Dai 3 ai 5 anni

La scuola dell’Infanzia ha come obiettivo generale l’educazione, la formazione integrale del bambino e lo sviluppo di una visione etica e religiosa della vita.   Attraverso gli obiettivi specifici, intendiamo garantire una crescita equilibrata delle dimensioni della sua personalità promuovendo lo sviluppo delle diverse intelligenze.

Nello specifico il metodo educativo comprende la valorizzazione del gioco, l’esplorazione e la ricerca per raggiungere i seguenti obiettivi:

  • Il sé e l’altro: riconoscere il valore e la dignità di ogni soggetto umano, educando alla multiculturalità. Cogliere il messaggio evangelico dell’amore, della pace e delle fratellanza;
  • Progettare e attuare la più efficace strategia nell’interazione con l’ambiente;
  • Comunicare attraverso l’espressione manipolativa, visiva, drammatico-teatrale, sonoro-musicale, audio-visuale e mass- mediale;
  • Acquisire fiducia nelle proprie capacità;
  • Esplorare conoscere e progettare: raggruppare, contare, misurare, ricorrere a modi più o meno sistematici per confrontare ed ordinare il rapporto a diverse proprietà, eventi e grandezze. Potenziare e disciplinare la curiosità, la spinta ad esplorare e capire il gusto della scoperta, la motivazione a mettere alla prova il pensiero.

Avendo sempre in mente LA PEDAGOGIA DEL CUORE, l’azione educativa mira alle seguenti finalità: l’attenzione alla persona, l’autostima, l’ apprendimento gioioso, la capacità di espressione e creatività, il senso di sicurezza, la spontaneità e l’autenticità, il senso di appartenenza, la fiducia nelle proprie capacità, la conquista dell’autonomia  che permette  di orientarsi in maniera personale e di compiere scelte anche innovative, lo sviluppo delle competenze che permette di consolidare le capacità sensoriali, percettive, motorie, sociali, linguistiche ed intellettive.

La scuola dell’infanzia da noi concepita “dialoga” e “condivide” con la scuola primaria affinché vi sia unità e consequenzialità di obiettivi, di metodo e di programmi. Offre momenti di incontro,  di festa con gli alunni più grandi nel passaggio dalla scuola dell’infanzia alla scuola primaria.

Il nostro modo di essere scuola chiede RELAZIONECONFRONTOASCOLTO, per garantire una continuità educativa e creare un ambiente che sia il più possibile in sintonia con quello familiare.